Crea sito

Il trono di spade, tutti i segreti del videogame



Nel corso della presentazione di Game of Thrones, tratto dai libri di George R. R. Martin e dalla serie tv targata HBO, sono stati svelati i dettagli del gioco in uscita a fine maggio per PC, Playstation 3 e Xbox 360.

War is coming: la guerra sta arrivando e questa volta sarà totale. Con le nuove puntate de Il trono di spade, su Sky Cinema a partire dall’11 maggio, le cose a Westeros si faranno parecchio complicate. Ma nel frattempo si apre anche un altro fronte: quello di Game of Thrones, videogioco in uscita a fine maggio per PC, Playstation 3 e Xbox 360, ispirato ai libri di George R. R. Martin e alla serie tv HBO. Il titolo sviluppato da Cyanide e diustribuito da Focus Home Interactive è stato presentato a Milano dagli stessi ideatori del gioco.

“Volevamo fare un role-playing game vecchia scuola, ma molto focalizzato sullo storytelling”, ha spiegato il game designer. “Per farlo abbiamo deciso di riprendere la struttura dei libri di Martin, in cui il punto di vista cambia da un capitolo all’altro”. In questo caso, i punti di vista saranno due, ovvero quelli del guardiano della notte Mors Westford e del prete rosso Alester Sarwyck, i due protagonisti dei diciassette capitoli, che inizialmente si alterneranno, per poi congiungersi nella fase finale del gioco, pur avendo scopi differenti. “La cornice temporale è quella della prima stagione della serie televisiva, ma non volevamo che i giocatori ripercorressero passo per passo eventi già visti. Per cui si tratterà di una storia completamente nuova che si interseca con quegli avvenimenti, ma se ne differenzia”. Giocando a Game of Thrones, in ogni caso, sarà possibile non solo visitare gli scenari della prima stagione della serie tv, ma anche incontrare alcuni dei personaggi principali: “Abbiamo potuto utilizzare i volti e, grazie alla HBO, anche le voci degli attori protagonisti della prima stagione”, spiega sempre il game designer.

Gli eroi, come detto, sono due, ma ampiamente customizzabili nelle abilità, caratteristiche ed equipaggiamento: “Come negli rpg classici, il momento della creazione dei personaggi sarà fondamentale”. La struttura del combattimento, invece, sarà un misto di azione in tempo reale e strategia, perché in ogni momento sarà possibile rallentare il tempo di gioco e scegliere fra le numerose armi, tattiche e strategie necessarie ad affrontare i diversi avversari. Inoltre in molti duelli sarà possibile controllare due personaggi alla volta, senza contare che Mors sarà sempre accompagnato dal suo fedele mastino, che nel corpo a corpo potrà essergli di grande aiuto.

“Un altro aspetto su cui abbiamo spinto è la scelta: i giocatori si troveranno ad effettuarne molte, che avranno effetti a breve, ma anche a lungo termine, andando a influenzare l’intera partita”. Le atmosfere e i toni del gioco ricalcano quelli duri e a volte senza filtri della serie televisiva, e d’altronde i due personaggi a disposizione andranno a coprire due dei punti focali de Il trono di spade: da un lato infatti c’è Mors, più diretto e incline al conflitto; dall’altro Alester, più sottile e dedito alla diplomazia. 

Per procedere nello sviluppo del gioco, per i ragazzi di Cyanide è stata fondamentale l’approvazione di George R. R. Martin: “Abbiamo avuto uno stretto dialogo con lui e dal canto suo Martin si è detto soddisfatto della fedeltà del gioco alle atmosfere che ha raccontato nei suoi libri. Per noi è stato molto importante”. L’autore ha supervisionato anche la trama: “Quel che succede nel gioco si inserisce nella storia de Il trono di spade. E non parliamo solo di quel che è scritto nei libri già usciti: ha voluto verificare che non ci fosse niente che potesse andare a cozzare con quanto accadrà nei volumi che devono ancora essere pubblicati”. La presentazione si è chiusa con una domanda scontata agli sviluppatori: ci sarà un sequel? E qui a loro è scappato un sorrisone: “Se le cose vanno bene, ce ne saranno quante sono i libri de Il trono di spade”.

fonte:
Valentina

Valentina

Lettrice incallita, serial-dipendente e disordinata cronica!
La passione per la saga "Le cronache del ghiaccio e del fuoco" e l'hobby per i social media mi hanno portato a realizzare col tempo questa grande community! Grazie a tutti dei vostri commenti e continuate a seguire "Game of thrones - Italian fans" 😀
Valentina
  • Silvia

    Sembra si presenti molto bene, voglio approfondire perchè indubbiamente c’è stata una ricerca per creare questo gioco, che pur ripercorrendo gli avvenimenti del primo libro sembra comunque in grado di fornire uno “scenario” in parte differente, una bella sfida!