Il larp ispirato a Il Trono di Spade – Dracarys: il Risveglio della Magia



Avete impegni per ferragosto? Come sappiamo Winter is Coming, ma nessuno ci vieta di organizzarci per l’estate! Con largo anticipo vi informo di un’evento tutto italiano che potrebbe rendere unico il vostro prossimo ferragosto! Si tratta di un larp che si terrà in Italia e che sarà a tema Il Trono di Spade. Ecco di seguito la nostra (prima!!) intervista ad Elio Biffi, uno degli organizzatori di questo evento. Tutto lo staff del blog ha partecipato e nell’intervista potrete leggere i nomi di chi ha posto la domanda 😉Abbiamo deciso di chiedergli tutto in merito, così anche chi non ha mai partecipato ad un live, potrà capire di cosa stiamo parlando e cimentarsi in questa avventura!

Ecco il trailer dell’evento “Dracarys: il Risveglio della Magia“:

1. Cos’è un larp? C’è un’età minima (o massima) per partecipare?

Partecipare a un larp (Live Action Role-Playing: gioco di ruolo dal vivo) è come trovarsi sul set di un film che non ha copione e il cui esito è determinato dalle scelte e azioni dei giocatori. È una versione elaborata e più adulta di “facciamo finta che…“, un gioco che tutti abbiamo fatto almeno una volta da bambini. In Dracarys, il tema è il Westeros: se parteciperai, sarai il protagonista della tua personale saga fantasy e nel contempo sarai l’amico, la nemesi, il compagno d’arme, l’amante di 300 altri partecipanti.
Un età massima non esiste, anzi, siamo sempre felici di accogliere partecipanti “attempati”. Anche per l’età minima, con il consenso dei genitori e/o un accompagnatore, non ci sono limitazioni. Ci riserviamo di valutare comunque caso per caso le iscrizioni dei giovanissimi.

2/3. Di cosa ha bisogno una persona per partecipare? Per chi volesse partecipare per la prima volta, c’è la possibilità di affittare costume ed armi?

C’è bisogno solo di avere voglia di mettersi in gioco, e di qualche minuto da dedicare alla lettura del materiale informativo e delle informazioni personali del proprio personaggio, e di un paio di scarpe o stivali esteticamente adatti (stivali in stile o storici, o almeno un paio di anfibi in pelle, di colore adatto e privi di marchi o loghi moderni visibili). Questo è il “minimo necessario” per iniziare a giocare, dato che, per chi volesse provare, sarà possibile usufruire di un noleggio costumi a costo ridotto. Ogni personaggio infatti dovrà essere vestito in modo consono al suo ruolo, magari portare con sè armature, armi o oggetti magici… Spesso i giocatori più esperti possiedono interi armadi di costumi splendidi e molto curati: tuttavia, su richiesta, l’organizzazione può fornire abiti e oggetti altrettanto belli e in stile, basterà prenotarlo per tempo.

4. [Cinzia]: Come hanno realizzato le armi e i costumi?

Molti dei giocatori più esperti sono anche appassionati sarti e artigiani, per se stessi e per gli altri; esistono poi alcuni negozi specializzati facilmente raggiungibili online. A volte, anche alcuni abiti che abbiamo in casa possono essere perfetti per un evento larp… basta sapere cosa cercare.

Per Dracarys abbiamo l’onore di poterci fregiare della partnership di Lorenzo Bux, un artigiano del cuoio che ci fornirà alcuni dei suoi lavori e offrirà sconti consistenti alle commissioni che riceverà da giocatori iscritti a Dracarys.
Le armi sono costruite in schiuma e lattice, secondo alcuni procedimenti che le rendono sicure e innocue, oltre che esteticamente splendide. Se volete approfondire, fate una ricerca online con la keyword “build larp weapons“, troverete risposte esaurienti e ben più puntuali di quelle che posso darvi io.

5. Ci si fa male durante i combattimenti? [Cinzia]: Faranno il terzo tempo come i rugbisti?

Gli scontri, per quanto dall’esterno appaiano realistici e crudi, sono assolutamente sicuri e non dolorosi: ci sono alcuni trucchetti che abbiamo rubato a cinema e teatro per renderli bellissimi da vedere e semplicissimi da fare. Useremo i momenti prima del gioco per molti esercizi e workshops per rendere il più facile possibile l’esperienza a chiunque, tra cui sicuramente delle prove “fuori dal gioco” del combattimento. E, ovviamente, faremo un terzo tempo, per condividere la forte esperienza che avremo appena vissuto, conoscerci meglio e, lentamente, tentare di tornare al mondo reale. Il castello che ci ospita [Castello di Rezzanello, ndrha una splendida piscina, che sarà a nostra disposizione per il party post larp di Domenica pomeriggio.

6. [Giuliano]: qual è lo scopo del “gioco”?

Lo scopo del gioco è interpretare il tuo personaggio. Ovviamente il personaggio stesso ha degli obiettivi, delle “missioni” da compiere, qualcosa da raggiungere: è necessario fare attenzione però al fatto che questi sono obiettivi del personaggio, e non del giocatore. Non c’è nulla in palio, non ci sono premi, non ci sono checkpoint da raggiungere prima degli altri, non c’è competizione. Quello che conta è dare vita a una bella storia, profonda e interessante, anche se questa, magari, potrebbe finire con la morte del tuo personaggio… [Valentina: tanto per restare in tema con Il Trono di Spade]

E ora alcune domande sull’ambientazione e non solo…

7. [Cinzia]: Come rappresenteranno i diversi regni? Si svolgerà in uno stesso regno (ad es. Approdo del Re)?

In un larp quello che conta è quello che succede lì e in quel momento: cercheremo di inquadrare personaggi provenienti da quasi tutti i regni, e anche da oltre il mare, ma il “luogo della storia” sarà uno solo, e in particolare il maniero di Summerhall, nelle Stormlands, un antico e misterioso castello da tempo disabitato appena fatto ricostruire per ordine di alcuni regnanti…
In ogni caso, tra i personaggi ci saranno fieri uomini del Nord, viziosi abitanti di Approdo, misteriosi uomini di Dorne, e saranno rappresentati praticamente tutti i “tipi umani” che popolano il mondo del Westeros.

8. [Fulvia]: Seguirà le orme dei libri o della serie?

La nostra ispirazione è più propriamente la serie, anche se per alcuni dettagli ci ispiriamo alle pieghe nascoste del mondo del Westeros, più esplorate nei libri che nel serial. Tuttavia, non è così importante sapere se ci ispiriamo a questo o a quello: la storia a cui daremo vita sarà qualcosa di indipendente dalla saga descritta da Martin. Il nostro obiettivo è creare un larp divertente per tutti, non un remake di un episodio della serie o una rappresentazione teatrale di qualche capitolo di uno dei libri.

9. [Azzurra]: Si mangerà davvero in stile Approdo del Re? Niente piccione però, eh… Lo lasciamo a Joffrey!

I pasti durante l’evento saranno in stile medievale: siamo abituati a proporre ricette speciali per ogni nostro evento, e ovviamente, se ci sarà un banchetto… Dovrete aspettarvi pietanze degne degli Antichi Re. Comunque, non dovrete preoccuparvi troppo: nessun organizzatore avvelenerà il vostro cibo. Per quanto riguarda gli altri giocatori, beh, dovete guardarvi le spalle… O assumere un assaggiatore.

10. [Giulia]: Chi interpreta Ned (nonché interpretato da Sean Bean) si immedesimerà così tanto nel ruolo che ci lascerà la pelle?

Per precisa scelta di design dell’evento, non inseriremo personaggi “primari” della serie all’interno della nostra storia. Ci saranno alcuni personaggi noti, ma saranno ruoli che nella serie e nei libri sono poco approfonditi o solo accennati. Comunque sì, ci saranno parecchie morti, quasi di certo. E difficilmente essere uno Stark o un Lannister potrà salvare qualcuno.

11. [Fulvia]: Ci saranno animali veri?

In altri larp abbiamo avuto carrozze trainate da cavalli, topolini in laboratori alchemici, serpenti nascosti in buche del terreno, insetti che colonizzavano antiche reliquie… Stiamo ancora lavorando alla produzione del larp, e ovviamente non voglio rivelare troppo – è molto probabile, comunque, che ci saranno animali reali all’interno dell’evento.

12. [Giulia]: I meta lupi ci saranno? Se si, possiamo prenotare i cuccioli?

Per ora abbiamo contattato un laboratorio genetico della California e un allevamento in Russia per vedere se riescono a fornirceli, sarà piuttosto difficile comunque. E se ce la facciamo, i cuccioli li tengo io. Però se volete potete venirli a trovare.

13. [Cinzia]: Ci saranno i draghi? *_*

Beh, l’evento si chiama Dracarys. Direi che è una risposta piuttosto scontata.

14. [Giulia]: Ci saranno roghi veri?

I nostri scenografi sono piuttosto famosi per essere piromani incendiari. Quindi, probabilmente si, anche se magari non bruceremo giocatori, ma solo loro simulacri. Purtroppo dato che fanno questa cosa strana che alcuni chiamano “pagare il biglietto” i partecipanti si offendono se li leghi a una pira e le dai fuoco. Credo ci potremo accontentare

15. [Fulvia]: E’ richiesta una particolare resistenza al freddo, vino e veleni di serpenti?

Al freddo no di certo, sarà Ferragosto in pianura padana, quindi, al massimo, al caldo! Per il vino forse sì, soprattutto nell’afterlarp, non garantiamo la sopravvivenza del vostro fegato. E infine, non abbiate paura dei serpenti: controlleremo accuratamente che quelli nascosti negli scrigni non siano velenosi.

Avete altre domande che non sono state poste? Commentate qui sotto e risponderemo a tutti! Intanto di seguito vi elenco alcuni link utili e le informazioni per chi voglia partecipare:

  • Evento per seguire il conto alla rovescia per iscriversi al larp: le iscrizioni partiranno il 1° Dicembre e ci saranno solo 300 partecipanti.
  • Info iscrizione qui.
  • Il ritrovo è venerdì 12 agosto, tassativamente entro le 11:30 per iniziare con le spiegazioni e i workshop preparatori. Il gioco vero e proprio partirà alle 16:00 di venerdì per protrarsi fino alle 16 circa di domenica 14 agosto. Il larp sarà continuo senza interruzioni per i pasti o per dormire, tuttavia alcune zone saranno “fuori gioco”.
  • Location: Castello di Rezzanello, elegante fortilizio risalente all’XI secolo e adibito a lussuosa struttura ricettiva. Il castello comprende diversi cortili, numerose sale interne e ben 17 suite in stile; è circondato da un parco di sette ettari dotato di boschi, prati, fontane monumentali. Si trova in Vicolo del Tasso, a Gazzola (PC).
  • Per tutto il resto c’è sempre il sito ufficiale dell’evento: Dracarys.

Spero che vi sia piaciuta questa nostra prima intervista e speriamo partecipiate in tanti! Ricordate di pubblicare le vostre foto in costume alla fine dell’evento!

Valentina

Valentina

Lettrice incallita, serial-dipendente e disordinata cronica!
La passione per la saga "Le cronache del ghiaccio e del fuoco" e l'hobby per i social media mi hanno portato a realizzare col tempo questa grande community! Grazie a tutti dei vostri commenti e continuate a seguire "Game of thrones - Italian fans" 😀
Valentina
  • Elio Biffi

    Un paio di precisazioni amici:
    – la policy sull’età dei partecipanti è un pò più rigorosa di come l’ho accennata in questa risposta. Vi cito la versione ufficiale: “Le regole sull’età minima sono queste:
    Età minima: Dracarys è aperto a chiunque abbia 16 anni
    compiuti. Se sei maggiorenne, puoi portare all’evento, sotto
    la tua responsabilità, un tuo parente anche minore di 16
    anni; potrà scegliere un personaggio e giocare come tutti
    gli altri. Se il tuo parente non ha 14 anni compiuti, può
    comunque venire ma non riceverà un personaggio completo;
    interpreterà un personaggio molto leggero, creato per
    l’occasione e definito semplicemente come un parente del tuo
    personaggio.”
    – sebbene il castello abbia una bella piscina, non è affatto detto che riusciremo a permetterci di affittarla per il party afterlarp… Se ci saranno 300 giocatori, probabilmente, ce la faremo 🙂
    – I personaggi noti inquadrati dall’evento non saranno “ALCUNI”, come imprecisamente citavo, ma “SVARIATI”. Di certo non potrete interpretare Ned Stark, perchè il larp si svolge in contemporanea alla quinta stagione, e quindi è morto da tempo… Ma potreste vestire i panni di molti altri protagonisti della serie.